I social network non vanno in vacanza

L'arrivo dei social network ha moltiplicato le occasioni di contatto tra aziende e candidati, sviluppando una vetrina sia per i datori di lavoro che per quelli che sono alla ricerca di un impiego.

L'arrivo dei social network ha moltiplicato le occasioni di contatto tra aziende e candidati, sviluppando una vetrina sia per i datori di lavoro che per quelli che sono alla ricerca di un impiego.

2016-07-28-socialvacanza-a

Per la loro natura, LinkedIn, Facebook, Instagram, G+ e Twitter, tra gli altri, rimangono operativi tutto l'anno. Questo fatto rende possibile la ricerca di un impiego anche in periodi di vacanza. Per quanto riguarda il loro utilizzo, si osserva che i profili più giovani sfruttano le proprie competenze su piattaforme come Facebook e Twitter, le più usate da parte dei reclutatori. Intanto, i profili più senior si muovono spesso in LinkedIn, lasciando le altre reti per la ricreazione personale.

Rafforzare la presenza online fa aumentare la visibilità sul mondo web e rende più facile il contatto desiderato, sia nella virtualità che nelle situazioni tradizionali. Per cominciare, LinkedIn è il social network aziendale giusto per sondare quelle nuove opportunità di lavoro. Questa piattaforma offre un elenco di professionisti e reclutatori sempre disposti a mettersi in contatto. I datori di lavoro utilizzano LinkedIn per conoscere meglio l'esperienza di lavoro e il background formativo dei candidati. Per questo motivo è importante mantenere il proprio profilo aggiornato e scegliere un'immagine formale che aiuti ad avere un feedback positivo. Inoltre, LinkedIn funziona come un modo per aggiungere nuovi contatti ed interagire con loro, conoscere potenziali colleghi e ricevere feedback dagli attuali. Queste interazioni servono per migliorare il proprio profilo.

Facebook è un altro dei siti più utilizzati da parte dei reclutatori. Seguire un'azienda tramite questa rete permette di sapere istantaneamente quando ci sono posizione aperte. Si raccomanda spesso di avere cura dell'identità digitale per evitare le situazioni indesiderate. L'utente deve essere attento di non pubblicare cose che possano danneggiare il profilo professionale. Come tutti i social media, questa piattaforma offre la possibilità di aggiungere più persone alla propria rete, come ad esempio amici in comune che abbiano conoscenza delle aziende dove si desidera lavorare.

Oggi i selezionatori più audaci pubblicano le posizione aperte anche su Twitter. Per quanto riguarda i candidati, i coraggiosi spesso collegano il loro blog al proprio account, in modo che possa essere rivelata la loro capacità di comunicazione. I candidati che aprono un profilo su G+ - il social network appartenente al motore di ricerca più popolare dei nostri tempi - usualmente aggiungono informazioni più volte alla settimana con lo scopo di aumentare la propria visibilità. Attraverso questa rete si può avere l'opportunità di venir contattati per un colloquio online. In questo modo, costruire relazioni con i professionisti diventa più semplice e dinamico.

Vista l'importanza che hanno preso i social media, è consigliato per quelli che sono alla ricerca di un lavoro mantenere il loro profilo aggiornato durante le vacanze e, naturalmente, restare al corrente dei contenuti pubblicati da parte di ogni azienda. Si ricorda che mantenere un profilo sociale allo scopo di trovare un impiego è un mestiere che richiede una dedizione costante e tantissimo impegno.

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Tatiana Vezzani / Imprenditorialità

Effettua il login per lasciare un commento!