A Natale uno sguardo in Europa, madre dei mercatini

Le prime tracce dei mercatini di Natale in Europa risalgono al XIV secolo in Germania e in Alsazia con il nome di mercato di San Nicola.

Le prime tracce dei mercatini di Natale in Europa risalgono al XIV secolo in Germania e in Alsazia con il nome di mercato di San Nicola.

I mercati di Natale più famosi del mondo sono tenuti nelle città europee di Norimberga, Dresda e Colonia, ma anche in quella francese di Strasburgo. L’allestimento di queste fiere le rendono mete turistiche molto ambite, anche per il loro ingegno nel dare all’evento un’aria magica e suggestiva: a Colonia, ad esempio, si tengono ben sette mercati in differenti luoghi della città, di cui uno in un’imbarcazione sul Reno.

mercatini natale italia articolo 1

La tradizione parte nel 1434

Il primo documento che attesta l’esistenza di un mercatino di Natale risale al 1434: questi consisteva in uno Striezelmarkt (mercato degli Striezel, dolce tipico tedesco) e si tenne a Dresda in un lunedì precedente il Natale. Esso vanta, oltre a 600 anni di storia, anche 250 bancarelle in cui è possibile trovare davvero di tutto oltre allo Stollen, il dolce natalizio tedesco per eccellenza. Durante la Riforma Protestante, tuttavia, il nome fu cambiato in Christkindlmarkt in opposizione al culto dei santi. Altri antichi mercatini sono quello di Strasburgo (1570) e quello di Norimberga (1628).

La festività del Natale, all’estero, è vissuta in maniera più intensa rispetto all’ Italia: in Svezia, ad esempio, tutto il mese di dicembre è pieno di preparativi per la sacra festività e gli stand sono ricoperti di dolci artigianali ed addobbi per la casa. L’Avvento è un periodo, in buona sostanza, di attesa del Natale che si riversa e pervade i centri storici delle città con i suoi profumi, luci e colori intenti a creare un percorso unico ed inconfondibile. Quello che colpisce di più è l’amore per il dettaglio nell’allestimento dei banchetti, la continua ricerca dell’originalità che molte volte sfocia in una vera e propria competizione allo stand più creativo. Una tradizione incantata che si rivolge ai visitatori, i quali, sempre più stupiti, si avventurano alla ricerca delle usanze locali.

Da Norimberga a Colonia

Il mercatino di Norimberga si tiene in Piazza Hauptmarkt, dove i visitatori posso gustare il famoso glühwein (vin brulé), le mandorle tostate e il panpepato; ospita 190 casette in cui non mancano giocattoli ed articoli da regalo, decorazioni per l’albero di Natale ed i caratteristici omini fatti di prugne secche e stoffa, noti come Zwetschgenmännle. Mentre l’albero di Natale più alto della Germania lo si può trovare a Francoforte assieme al tipico vino di mele caldo ed un concerto di 50 campane.

I banchi allestiti a Colonia sono sicuramente uno spettacolo da visitare almeno una volta nella vita: constano di ben sette mercatini sparsi per la città, ma è possibile visitarli tutti poiché un trenino decorato e illuminato permette di spostarsi agevolmente tra le vie della Roncalliplatz, del Neumarkt, dell’Alter Markt e della Rudolfplpatz. Inoltre nel Museo della cioccolata, lungo il fiume Reno, una trentina di artigiani allestiscono un suggestivo mercatino medievale.

 

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Federica / City Life

Effettua il login per lasciare un commento!