A fascination toy never loses his shine #3

La città è sempre la mia città- lungo quei viali sconfinati la mia stella brilla ancora- oh oh oh, a fascination boy never lose his shine!

La città è sempre la mia città- lungo quei viali sconfinati la mia stella brilla ancora- oh oh oh, a fascination boy never lose his shine!

Storia #3: Potete tornare ad amarmi

Fermo la Rolls all'angolo di Chinatown- una volta lessi un racconto sulle notti che si possono vivere qui, scritto da...mm..a, certo, Bukowski, doveva essere proprio il vecchio Buk! Finché quel posto mi accoglie indifferente, come se non fosse cambiato niente. Ma che vuoi farci, sono solo le 3 di pomeriggio.

Giovane-uomo-bicicletta-scatto-fisso

"Mi porti un Guendalina Beach"- chiedo alla attraente ragazza di quel bar scolorito. Cosa aspetti a lasciarmi il tuo numero telefono? No, niente numero e solo un banale scontrino- alcune donne mi vedono così inarrivabile che hanno persino timore di avvicinarmi. Al posto loro, ce l'avrei anche io.
Poi, le mie manie di protagonismo vengono attratte da questa nuova ragazza. Ha i capelli mori e la carnagione scura, quegli occhi blu e vividi si abitueranno presto a guardare me. "Cameriera, porti un long drink a quella donna"- ordino all'antipatica ragazza del non-numero. Quando lei le serve un Margolè ai frutti di bosco, quella ragazza lo rifiuta. Non mi era mai capitato.
Allora mi avvicino al suo tavolo. "Hey, baby, cosa aveva quel drink che non andava?"- ma lei, nemmeno mi guarda. "Sto parlando con te, ragazza! È inutile fingere, tu mi ami già! Tutti, mi amano"- poi, mentre devo apparirle estremamente agitato, lei comincia a sorridere. Ecco, ora leva la maschera, perché tutti ne indossiamo una e tutti, prima o poi, non ne possiamo più.
"E' come dici tu, tesoro. Ma magari un'altra volta. Quindi, ora, sparisci, e lasciami in pace."-mi dice.

No, no, no, ora ci sono. È tutto un enorme scherzo! La città che si prende gioco di Fascination-Boy, solo perché è annoiata. A tutte le donne di Milano è stato impedito di amarmi! Ah ah ah, è uno scherzo magnifico, davvero! Ma vi ho scoperti, ragazzacci che non siete altro! Ora, però, lo scherzo è finito: potete tornare a guardarmi, potete tornare ad amarmi!!...

Le ore trascorrono ma nessuno si decide a farlo.
E se avessi realmente bisogno di quel potere prezioso, e se avessi di nuovo bisogno di LEI? Solo la città conosce le risposte....

...La sera sta sorgendo mentre sprofondo nella parte più cupa della metropoli- Tra le vie strette e ostili della non più mia città, vado disperatamente alla ricerca di quell'energia vitale.
"Cosa cerchi, amico?"- mi chiede un uomo dall'aspetto poco raccomandabile. "LEI"- rispondo io.
"Seguimi"- mi dice- poi proseguiamo lungo un sentiero nero e sconosciuto. C'è un vicolo cieco, c'è un portone blu. Quell'uomo bussa tre volte. "Parola d'ordine: It's opening time down on Fascination Street"- finché le sue parole aprono il portone. Poi, lui rovista tra acidi, cianfrusaglie e capsule degli stati d'animo, finché la trova. "Eccola qua, amico. Ti costerà un bel po'." -mi dice sorridendo. Io, velocemente gli consegno tutto ciò che posseggo- carte di credito, orologi e pezzi di animo che non mi appartengono più, e la raccolgo.

Lascio quel luogo e mi riapproprio di LEI. E mi sento già meglio, ve lo giuro, come se stessi di nuovo vivendo! Mentre la mia Rolls sfreccia per la strada, il mio cuore smette di battere, ma forse l'aveva già fatto da tempo..-"Si sente bene, amico?"- mi domanda un ragazzino mentre sono fermo al semaforo.

No, non mi sento affatto bene...semplicemente, sto solo morendo.

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Daniele Scalese / City Life

Effettua il login per lasciare un commento!