Dreaming Eleven #3                                

"Leggi qui, Fabio..."- dice Zeffireni mostrandogli il titolo della Gazzetta.
"Spacciati" - quelle pagine rosa scrivono impietosamente così.

"Leggi qui, Fabio..."- dice Zeffireni mostrandogli il titolo della Gazzetta.
"Spacciati" - quelle pagine rosa scrivono impietosamente così.

Parte 3: chiudi gli occhi e ignora tutto il resto!

"Lorenzo, da quanti anni sei nel calcio? E, soprattutto, da quanti anni ci conosciamo? Ne abbiamo vissute parecchie, insieme, e le abbiamo superate tutte. Non li leggere, i giornali!" - lo tranquillizza mister Lorenzi. Il problema è che nessuno riuscirebbe a tranquillizzare lui - poi Zeffireni gli evidenzia le quote dei bookmakers, "siamo dati a 25, Fabio, 25! Rischiamo di diventare la peggior finalista nella storia della Champions League! Faremo la fine dell'Eintracht che perse 7 a 3 contro questo maledettissimo Real Madrid, solo che noi, al contrario dell'Eintracht, 3 goal non li faremo mai, considerando che l'unico in grado di segnare si è appena infortunato!!" - le parole di Zeffireni vengono interrotte dall'arrivo di Morales.

finale-champions

..."Ehm Morales... come sta il nostro capitano? Io e il mister stavamo parlando delle grosse opportunità che abbiamo di vincere questa Coppa! Non è vero, Fabio?!"

-"Mmm, come sta la squadra, Ale?" - gli chiede Lorenzi.

"Mister, non bene. Tutti noi sappiamo che senza Cri, lì davanti, non possiamo segnare perché non sappiamo più come ripartire. Io e Martin, da soli, non teniamo. E poi c'è Laben che da giovedì mostra ripetutamente a tutti le immagini della sua finale persa ai calci di rigore contro il Real Madrid!!"
-"Paul!!! Ma che stai facendo!?" - Lorenzi corre verso il suo portiere.
"Mister, 8 anni fa, quando ho disputato la mia finale contro il Real, giocavo in una squadra fortissima, la più forte in cui sia mai stato. Eppure, quella partita l'ho persa. Ora, noi avevamo un'unica speranza, cioè difenderci e sperare di segnare nell'unica occasione che Cristian sarebbe stato in grado di costruirsi da solo. Ora, senza di lui, abbiamo già perso in partenza... e, poi, arbitra Provence. Sì, Jack Provence, l'arbitro che ha convalidato il goal di mano di Ronaldo contro il Psg. Lo sanno tutti che è un uomo del Real. Siamo spacciati, Mister..."- poi, Paul Laben lascia lo spogliatoio insieme al suo umore nero.

(Prendi quelle maledette pillole, Paul...)

Sabato

I ragazzi hanno bisogno di una scossa, sono troppo sfiduciati. Hanno bisogno di un segnale forte: dobbiamo restare alti ed attaccare il Real Madrid!... Però così rischiamo di consegnarci nelle loro mani. Guardiola, quando li ha attaccati, è finito stritolato dalla loro morsa. No, forse dovremmo difenderci e ripartire con cautela... sì, è questa la soluzione più adatta - mentre Lorenzi si interroga sulle mosse per la finale, sua moglie Alessia si sta aprendo dopo mesi di silenzi e incomprensioni.
"Mi hai ascoltato, Fabio?!" - chiede agitata lei.
-"Certo, amore!"
"..E allora!?"
-"Ok..."
"Ti ho chiesto un figlio, Fabio! E non mi hai nemmeno ascoltata un istante!"
Lui, logicamente, non la sta ascoltando nemmeno ora - poi squilla il suo cellulare.

-"Cosa c'è Presidente?!"

"Riggan Thompson, Fabio! Riggan Thompson!"
-"Eh?"
"Dobbiamo essere come Riggan, Fabio! Tenaci, ambiziosi, e ce la faremo!" - esclama enfaticamente il Presidente.
"Mmm, la richiamo Presidente..."

Ma perché nessuno mi ascolta??

"Che problemi ho? Perché la gente non si degna di amarmi? Volevo essere solo quello che tu volevi e ora passo ogni ora a sognare di essere qualcun altro, qualcuno che non sono, chiunque.
Mi ami per davvero? (no) E non lo farai mai? (No, mi dispiace)
Non esisto. Non sono nemmeno qui. Non importa nulla di tutto questo, non esisto."

Il cellulare che squilla interrompe quella scena in maniera criminale - maledetto Martin Castro!
"Cosa hai combinato, Loco? Dimmi da che pasticcio devo tirarti fuori stanotte?"
-"Hombre, tranquilo. Domani sarà la partita più importante della nostra vita e non ho bisogno di cercare divertimento, stanotte. Perché il grande divertimento arriverà domani in campo. Vado a letto, Presidente, perché domani dovrò essere al massimo come non lo sono mai stato. Volevo solo dirti che segnerò due goal. E che Birdman non l'ho capito..."

 

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Milano Metropolitan / City Life

Effettua il login per lasciare un commento!