Siamo                                                                

Siamo sorrisi che inseguono numeri invece che corpi e animi e sensazioni,
siamo strette di mano invadenti
progetti di vita lasciati a metà

Siamo sorrisi che inseguono numeri invece che corpi e animi e sensazioni,
siamo strette di mano invadenti
progetti di vita lasciati a metà

2015-9-14-siamo.a

-ll cielo non lo osserviamo mai,

se lo facciamo è perché pioverà.

Siamo Kim Cattrall a Paolo Sarpi, Chinatown,
copie sbiadite di Catherine Deneuve bisognose di attenzioni,
siamo scrittori a corto di parole,
amanti nostalgici di ricordi che non rivivremo mai.

Siamo una poesia nera da leggere tra le righe,
adulatori del cinema che fu tra queste strade, in questa città,
signori del caffè e delle notti insonni,
(niente più sogni, per noi,
solo questa realtà.)

Siamo specchi che non riflettono,
cuori che non accelerano,
divi dimenticati da Hollywood,
mondi pronti ad implodere.
Siamo artisti da avanspettacolo
giornalisti in pausa dal call center,
apprendisti assassini di sogni altrui,
iperglicemici del potere,
siamo un sorriso dimenticato tra i vagoni della metropolitana.

Siamo un film di Pasolini troppo scuro per essere osservato,
siamo un libro scritto male da Bukowski,
siamo,
a volte,
Bukowski
-siamo un abito sgualcito.

Siamo le luci e gli occhi della città,
e tramonti destinati a svanire,
mariti scostanti, amanti fedeli,
siamo filantropi per le telecamere
e note stonate che scorrono nelle vene insieme a fotogrammi passati ed Lsd.

Siamo ipocondriaci dell'amore.

Siamo questo e milioni di altre sfumature dimenticabili
-siamo tutto ma,
in fondo,
cosa siamo realmente?

 

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Daniele Scalese / City Life

Effettua il login per lasciare un commento!