Cinema, Una pura formalità: tutto si compie in una notte di tempesta

Diretto dal maestro Giuseppe Tornatore, Una pura formalità è un film del 1994 con Gerard Depardieu e Roman Polanski: questa storia, astratta e surreale, si sviluppa nell’arco di una notte di tempesta.

Diretto dal maestro Giuseppe Tornatore, Una pura formalità è un film del 1994 con Gerard Depardieu e Roman Polanski: questa storia, astratta e surreale, si sviluppa nell’arco di una notte di tempesta.

Da Rosemary’s baby a L’inquilino del terzo piano, arrivando al recentissimo Venere in pelliccia: registra straordinario ma non solo, Roman Polanski è stato negli anni artista poliedrico e, svelandosi anche come attore notevole, sotto la direzione di Tornatore egli diventa protagonista di una favola nerissima.

Filmformalità articolo

Due uomini nella notte

In Una pura formalità tutto si compie nel cuore di una notte, quando un uomo (Depardieu), riemerso dal bosco, fugge freneticamente sotto la pioggia: braccato dalla polizia, egli viene condotto in caserma. Interrogato dal commissario (Polanski), l’uomo sostiene di essere Onoff, romanziere rifugiatosi in quel luogo dimenticato alla ricerca dell’ispirazione perduta. Sorprendentemente il commissario è un ammiratore dello stesso Onoff, di cui ne conosce a memoria opere e aforismi. Tuttavia la stima nutrita nei confronti dello scrittore non impedirà al commissario di insinuare la sua posizione, perché Onoff figura tra i principali sospetti di un brutale omicidio: quella notte, fredda ed eterna, si nutrirà del confronto tra questi due enigmatici interlocutori. MIME Club: entra in una community affiatatissima -->

Un incubo ad occhi aperti

Le metafore e le atmosfere kafkiane rendono Una pura formalità un film affascinante e ambiguo, un'opera che si dipana sommersa da una pioggia inesauribile e da un’oscurità ossessionante, rivelandosi un noir esistenziale psicologico e spiazzante. Denso di domande di enorme profondità, quello del regista italiano è un film solido nello script, composto da dialoghi serrati, ironia nera e rimandi letterari. Concependo un film così complesso e suggestivo nella sua apparente irrazionalità, Tornatore irrompe nei ricordi dello scrittore protagonista, approdato ai confini tra realtà e illusione. Il confronto tra il romanziere ed il commissario si rivelerà un delicato percorso introspettivo alla ricerca dell’identità smarrita, finché, insieme ai tormenti, emergerà una verità brutale.

Polanski vs Depardieu

In Una pura formalità restiamo indiscutibilmente avvolti dal clima tetro e paradossale. Oltre ad affascinare per stile e pathos, certamente la pellicola viene impreziosita dagli interpreti, Gerard Depardieu, stranito e inquieto (prova sublime la sua), e Roman Polanski, semplicemente sontuoso. Assorbiti completamente dal clima surreale che pervade l’opera, entrambi regalano figure tormentate, logorate e costrette ad attendere insieme l’alba, imprigionati in un luogo al di fuori del tempo, una terra di mezzo dove si rivela impossibile fuggire dagli spettri del nostro passato: la coscienza.

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Daniele Scalese / Arte

Effettua il login per lasciare un commento!