Locke: un uomo, una macchina e la notte che cambia la sua vita

Ivan Locke mette in moto la sua Bmw, poi osserva fisso la strada che percorre mentre è pronto a prendere le decisioni che cambieranno la sua vita.

Ivan Locke mette in moto la sua Bmw, poi osserva fisso la strada che percorre mentre è pronto a prendere le decisioni che cambieranno la sua vita.

Il cinema dell'emergente Steven Knight

Presentato come fuori concorso al 70esimo Festival di Venezia, Locke è un film diretto da Steven Knight e con protagonista Tom Hardy. La coraggiosa idea dell'ex sceneggiatore di La promessa dell'assassino (opera diretta poi da Cronenberg) è quella di realizzare un film in un unico ambiente (una vettura) e con un singolo attore: il risultato è sorprendente e dimostra che, se le idee sono quelle giuste, per avere un grande film non serve necessariamente disporre di un budget smisurato. MIME Club: scopri innumerevoli opportunità -->

Articolo Locke

Tutto in quella notte, tutto in quella macchina

Ivan Locke è un eccellente capo cantiere edile che, in piena notte, accelera con la sua vettura verso l'autostrada. Visibilmente provato nel volto, l'uomo procede lungo la strada mentre contatta telefonicamente le persone più importanti della sua vita. Dopo aver comunicato al suo responsabile l'impossibilità di dirigere il cantiere il mattino seguente, Locke spiega alla moglie che quella notte non tornerà a casa, per poi avvertire una donna del suo arrivo: ogni chiamata avrà le sue dolorose conseguenze.

Le scelte di un uomo

Catapultati all'interno della vettura al fianco del protagonista, noi spettatori assistiamo al dramma interiore di chi, nell'arco di poche ore, rischia di sgretolare tutte le certezze della sua vita. Locke mostra la scelta consapevole di un uomo che affronta le conseguenze delle sue azioni, evidenziando i rischi che ne derivano. L'onestà e la dignità sono per Ivan Locke aspetti fondamentali, e l'uomo sarà disposto ad assumersi le sue responsabilità, anche a prescindere da quello che succederà in seguito.

Un grande attore per un grande ruolo

Suggestivo nelle atmosfere notturne ed appassionante nello sviluppo, Locke è un dramma coscenziale caratterizzato da una regia equilibrata e dai toni tesi e che si regge sulle spalle di un Tom Hardy autore di una interpretazione grandiosa. L'ex Bronson (ed in seguito Bane de Il ritorno del cavaliere oscuro) diventa, inevitabilmente, il film stesso: dotato di una presenza scenica magnetica, l'attore britannico domina lo schermo con una padronanza tale da permettergli di trasmettere con grande naturalezza ogni passaggio interiore vissuto dal suo personaggio.

 

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Daniele Scalese / Arte

Effettua il login per lasciare un commento!