Mission (im)possible: come dimagrire dopo le feste

Cosa ci resterà delle vacanze oltre ai regali e i ricordi? Qualche chilo di troppo. Ma niente panico. Buona e sana alimentazione e un po’ di moto ci rimetteranno presto in forma.

Cosa ci resterà delle vacanze oltre ai regali e i ricordi? Qualche chilo di troppo. Ma niente panico. Buona e sana alimentazione e un po’ di moto ci rimetteranno presto in forma.

Dopo le tradizionali e inevitabili abbuffate tipiche del periodo natalizio, si ritorna alla normalità. Ma come fare a rimettersi in forma in poco tempo? Ecco qualche suggerimento.

Shape fitpostvacanze

Via i chili in eccesso

A livello psicologico è preferibile non pesarci per qualche giorno, giusto per non demoralizzarci. Precisiamo che il grasso acquisito di recente è più semplice da perdere rispetto a quello accumulato nel tempo: i chili acquisiti potranno essere smaltiti con la stessa immediatezza con cui sono stati assorbiti e, anche se ci mettessimo qualche giorno di più, il tempo è dalla nostra parte, perché l’estate è ancora distante. Non fidiamoci però delle diete troppo restrittive: se sono raccomandabili tre giorni “depurativi” (mangiare poco, bere tanto), andare oltre sarebbe deleterio. Se per una settimana, ipoteticamente, abbiamo immagazzinato più di 3000 Kcal al giorno, non possiamo ridurre totalmente l’apporto calorico, poiché lo shock per il nostro organismo sarebbe eccessivo. E, inoltre, una dieta esageratamente drastica, oltre a rallentare il metabolismo (l’esatto contrario del nostro obiettivo, che è accelerarlo, per bruciare più velocemente i grassi), è davvero complicata da reggere: meglio allora una alimentazione più graduale.

L’alimentazione

Abbiamo bisogno di un piano alimentare: per tre giorni mettiamo da parte i carboidrati (pasta, pane, patate, dolci, e se possibile anche la frutta), e concediamoci invece piatti proteici come carne, pesce, uova (l’albume). È fondamentale bere molta acqua, perché in tal modo depureremo l’organismo e, poi, bere prima dei pasti regala un senso di sazietà. Se la mattina possiamo concederci del tè ed uno yogurt magro, negli spuntini crudo o bresaola sono ideali. Se a pranzo possiamo abbondare con le verdure e la carne magra (non fritta ovviamente), per cena insalata e pesce sono le scelte migliori. Dopo tre giorni reintroduciamo i carboidrati (70 grammi a pranzo, con poco condimento), preferibilmente ottenuti dai legumi o dal riso. No alle fritture, i dolci e gli aperitivi alcoolici, e mai saltare i pasti.

L’attività fisica

Per bruciare i grassi è fondamentale mettere in moto il nostro organismo, ma senza sovra-sforzarlo. Per chi non è molto incline all’attività fisica, è importante camminare tanto, fare le scale, correre: sono tutti input che diamo al nostro corpo per velocizzare il metabolismo. Per gli iscritti in palestra, è preferibile un allenamento abbastanza intenso, con pause ridotte e poche chiacchiere tra un esercizio e l’altro (alleniamo gli addominali tra le serie: in tal modo aumenteremo il livello dell’intensità, con una conseguente accelerazione del metabolismo). La scelta di una settimana dedicata esclusivamente all’attività cardio (corsa, cyclette, step), praticata per circa un’ora al giorno dal lunedì al venerdì, è ampiamente percorribile.

 

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By DanieleS / Fitness&Benessere

Effettua il login per lasciare un commento!