Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei

Il nostro temperamento viene influenzato, tra le altre cose, anche dagli alimenti che consumiamo, alcuni dei quali hanno il potere di renderci ansiosi, irritabili, apatici o nervosi. Ma quali sono i cibi che alterano maggiormente il nostro stato d'animo?

Il nostro temperamento viene influenzato, tra le altre cose, anche dagli alimenti che consumiamo, alcuni dei quali hanno il potere di renderci ansiosi, irritabili, apatici o nervosi. Ma quali sono i cibi che alterano maggiormente il nostro stato d'animo?


2016-05-17-mangia-aNoi siamo ciò che mangiamo: il nostro stile nutrizionale si rispecchia nei nostri vissuti emotivi, influenzando il modo in cui interagiamo con gli altri, le nostre prestazioni lavorative ed il rapporto con noi stessi. Non è un caso che ipertensione, depressione ed ansia siano le patologie più diffuse nelle società industrializzate, tutte disfunzioni che scaturiscono da diete squilibrate e abitudini alimentari scorrette. Non è solo il modo in cui ci si nutre (sempre più veloce, anonimo e ormai privo della sua originaria dimensione sociale), ma anche ciò che si mangia a definire il nostro temperamento, come hanno dimostrato precisi studi scientifici.

Mime Club: definisci il tuo futuro-->

Chi consuma eccessive quantità di zucchero tende ad essere meno produttivo e più apatico: dosi esagerate di glucosio incrementano l'insulina, processo responsabile della diffusa sensazione di stanchezza che si impadronisce del corpo. Inoltre, nutrendosi eccessivamente di zuccheri, si sviluppa una vera e propria dipendenza da glucosio, che fa sì che in assenza di cibi zuccherini, come snack e bibite ricchi di dolcificanti, ci si possa sentire nervosi ed irritabili.


Anche un elevato consumo di carne può provocare degli squilibri alla sfera dell'umore: a seguito di un abbondante pasto a base di carni rosse, il nostro apparato digerente richiederà maggiori risorse, sottraendole al resto del corpo. La tipica sensazione di sonnolenza che si prova dopo un'abbuffata deriva proprio dal fatto che il sangue confluisce maggiormente verso l'intestino, a scapito del cervello, causando uno stato di spossatezza e appannamento delle capacità attentive e cognitive. I sostenitori dello stile nutrizionale vegano o vegetariano sostengono inoltre che il consumo di carne renda aggressivi e collerici, e come prova di ciò sottolineano che le popolazioni guerriere dell'antichità usavano basare la loro dieta quotidiana su ampie porzioni di alimenti ad alto contenuto proteico e lipidico.


In virtù di queste considerazioni sarà bene modificare lo stile di vita e le abitudini nutrizionali al fine di fornire prestazioni più efficienti e relazionarsi con gli altri in maniera più costruttiva. Alimentandosi in modo più equilibrato, evitando gli eccessi di grassi e glucosio ed aumentando il consumo di frutta fresca e verdura di stagione, ci si potrà sentire più leggeri, e di conseguenza più disponibili al dialogo, alla concentrazione e alla risoluzione dei problemi.

0 commenti. Aggiungi il tuo!

By Mauro Carta / Fitness&Benessere

Effettua il login per lasciare un commento!